Market Vectors Russia: quando l’ETF segue la caduta nazionale

Crolla la Russia, crollano le certezza di una nazione (e delle nazioni ad essa correlate), crolla la convinzione di una sicura crescita futura e, con ciò, crolla anche la visione positiva che ha accompagnato il Paese dall’arrivo e dalla messa in pratica delle politiche economico-monetarie del Presidente in carica Wladimir Putin.
In un clima simile, sarebbe stato difficile ipotizzare una tenuta del mercato quotato, specie di quello degli ETFs.

L’ETF (http://www.trend-online.com/etf-short.html) Market Vectors Russia (RSX), uno dei maggiori fondi della regione ex URSS, ha subito un’ulteriore perdita nel corso delle ultime settimane, a seguito dell’inasprimento delle sanzioni imposte da Stati Uniti ed Unione Europea per la questione ucraina.
Rispetto ai valori dell’ottobre 2013, quando l’RSX era giunto a toccare quota 30,10 dollari (42,77 nell’aprile 2011), attualmente il valore di quotazione si è attestato attorno alla quota di 24,50 dollari, dopo il crollo di agosto a 23.

Convenienza incerta per l’equity in Russia

Meno 8,8% in due mesi, un trend che non sembra intenzionato a migliorare ed alcuni dei più importanti titoli interni all’indice Russia-US Equity (tra cui Rosneft, il colosso energetico per la produzione di petrolio) giunti a toccare i minimi del periodo.

“La caduta della Russia come uno tra i maggiori mercati emergenti è il riflesso di un rischio consolidati e di un’incertezza del mercato” ha commentato Slava Breusov, analista di Alliance Bernstein LP, la quale ha proseguito con la domanda retorica: “Perché, in un clima di rischio geopolitico simile, nessuno vuole comprare titoli azionari russi, nonostante siano diventati tra i più convenienti del mercato?”. Una risposta banale, che tuttavia è specchio di una situazione che, con buone probabilità, non si riassorbirà sul breve termine (per lo più in termini di volatilità) e che farà valere il proprio peso a livello di indici borsistici fino almeno alla risoluzione della questione diplomatica internazionale.

Leggi articolo precedente:
banknoten 02
The Economist: l’euro a rischio. Dove investire oggi?

Secondo il famoso quotidiano britannico “The Economist“, e non solo, la crisi dell’euro è entrata in una fase pericolosa con...

Chiudi